Ingo Metzmacher slider homepage DESKTOP

IL NOME DELLA ROSA

damiano michieletto slider homepage DESKTOP

Il nome della rosa

Date
Ore 20:00
PRIMA
Turno Prime Opera
Ore 20:00
Turno A
Ore 20:00
Turno C
Ore 20:00
Turno B
Ore 20:00
Turno D
Opera

Il nome della rosa

Francesco Filidei
Dal 27 aprile al 10 maggio 2025
2 ore e 55 minuti circa incluso intervallo

Opera in due atti

Libero adattamento dall’opera di Umberto Eco Il nome della rosa edita da La Nave di Teseo editore

Libretto di Francesco Filidei e Stefano Busellato

con la collaborazione di Hannah Dübgen e Carlo Pernigotti

Casa Ricordi editore, srl

Orchestra e Coro del Teatro alla Scala

Coro di Voci Bianche dell’Accademia Teatro alla Scala

Prima assoluta

Commissione Teatro alla Scala e Opéra National de Paris

Nuova Produzione Teatro alla Scala,
in co-produzione con Opéra National de Paris e Fondazione Teatro Carlo Felice di Genova

Disponibile in Audio Descrizione Accessibile

DirettoreINGO METZMACHER
RegiaDAMIANO MICHIELETTO
ScenePAOLO FANTIN
CostumiCARLA TETI
LuciALESSANDRO CARLETTI
DrammaturgiaMATTIA PALMA

Cast

Guglielmo da Baskerville Lucas Meachem
Adso da Melk Kate Lindsey
La Ragazza del Villaggio / Statua della Vergine Katrina Galka
Jorge da Burgos Gianluca Buratto
Bernardo Gui Daniela Barcellona
Abbone da Fossanova Marco Filippo Romano
Salvatore Roberto Frontali
Remigio da Varagine Giorgio Berrugi
Malachia Owen Willetts
Severino da Sant’Emmerano Giovanni Sala
Berengario da Arundel / Adelmo da Otranto Carlo Vistoli
Venanzio / Giovanni Dalbena Leonardo Cortellazzi
Girolamo Vescovo di Caffa / Cuciniere Adrien Mathonat

In breve

Con la prima assoluta del Il nome della rosa, l’opera tratta dal romanzo di Umberto Eco commissionata a Francesco Filidei dalla Scala insieme all’Opéra di Parigi, il Piermarini torna al centro del panorama internazionale della musica d’oggi. Il nome della rosa, diretto da Ingo Metzmacher, è la terza opera del compositore dopo Giordano Bruno e L’inondation. Affidandosi ai testi di Eco che descrivono il romanzo come un’“opera buffa” Filidei sviluppa il suo discorso musicale come una struttura portante di tipo sinfonico su cui si innesta una successione di arie e recitativi, quasi forme chiuse, il cui materiale è derivato principalmente dalla variazione di melodie gregoriane. In corrispondenza delle rappresentazioni scaligere anche Milano Musica dedicherà a Filidei un’edizione monografica.

Un’ora prima dell’inizio di ogni recita, presso il Ridotto dei Palchi “A. Toscanini”, si terrà una conferenza introduttiva all’opera tenuta da Liana Püschel.