Francesca Podini

Podini 532590CMBDG ph Marco Brescia ©Teatro alla Scala

Nasce a Milano e si forma alla Scuola di Ballo del Teatro alla Scala, dove si diploma e ottiene il Premio Rotary Club nel 2000. Entra subito al Balletto di Stoccarda, interpretando ruoli solistici in Apollo e Sinfonia in C di George Balanchine; Il lago dei cigni, Romeo e Giulietta e La bisbetica domata (John Cranko), 5 Tangos, Grosse Füge (Hans Van Manen), The Cage (Jerome Robbins) e nelle creazioni di Kevin O’Day e Wayne McGregor. Nel 2001 riceve il “Premio Danza&Danza” come migliore artista emergente e nel 2003 torna a Milano per entrare nel Corpo di Ballo del Teatro alla Scala, dove interpreta Il lago dei cigni di Vladimir Bourmeister, Don Chisciotte (la regina delle Driadi) e La Bella addormentata nel bosco (Fata principale) di Rudolf Nureyev, Jeunehomme di Uwe Scholz e La bayadère di Natalia Makarova (Nikija). Nel 2009 per la nuova Coppélia di Derek Deane interpreta il ruolo della Luna; in “Trittico Novecento” danza Apollo di George Balanchine (Tersicore) e Voluntaries di Glen Tetley (passo a tre). È fra i principali interpreti di Pink Floyd Ballet di Roland Petit e di Sogno di una notte di mezza estate di George Balanchine (Titania); interpreta poi Giselle (Myrtha), Le sacre du printemps (l’Elue) in “Serata Béjart”, Don Chisciotte di Rudolf Nureyev (Ballerina di Strada), Balletto Imperiale di George Balanchine (ruolo principale) e in “Serata Forsythe” è tra gli interpreti principali di Artifact Suite e di In the Middle, Somewhat Elevated. Nella stagione 2010-2011 è Odette/Odile nel Lago dei cigni di Rudolf Nureyev, danza Jewels di George Balanchine (coppia principale di Diamonds), Raymonda di Petipa-Glazunov (Raymonda e Clémence) e Excelsior (La Luce). In seguito, è tra gli interpreti principali di Concerto DSCH di Alexei Ratmansky, di Goldberg-Variationen di Heinz Spoerli; nello Schiaccianoci di Nacho Duato è solista della danza araba e nel Lago dei cigni di Alexei Ratmansky è nel cast dei quattro grandi cigni. Danza poi Petite Mort di Jiří Kylián, Lo schiaccianoci di George Balanchine (la “Cioccolata calda” e il “Caffè”), La Bella addormentata nel bosco di Rudolf Nureyev (una delle Sette Fate), Adagio Hammerlavier e Kammerballett di Hans van Manen. Nella ripresa di Onegin di John Cranko (settembre 2022) debutta nel ruolo della vedova Larina. Per Lo schiaccianoci di Rudolf Nureyev, titolo di apertura della Stagione di Balletto 2022-2023, interpreta il ruolo della Signora Stahlbaum e la danza russa. Nella ripresa di Romeo e Giulietta di Kenneth MacMillan del giugno/luglio 2023 è in scena nel ruolo di Lady Capuleti. Nel settembre 2023 è la Regina e danza gli Spagnoli in Il lago dei cigni, coreografia di Rudolf Nureyev.