Home –  Stagione 2020-2021 – 

Madina

  • Roberto Bolle e Antonella Albano ph Brescia e Amisano Teatro alla Scala (2)
  • Cattura
  • Cattura   vacchi
  • Cattura   bigonzetti
  • gamba
  • MADINA Antonella Albano e Roberto Bolle
  • MADINA Roberto Bolle
  • MADINA Antonella Albano
  • madina sito 2
  • MADINA Anna Doris Capitelli e Chuan Wang
  • MADINA il corpo di ballo
  • madina ard stor 2
  • MADINA Roberto Bolle e il Corpo di Ballo
  • madina sito 3
  • MADINA
Ph. Marco Brescia & Rudy Amisano
Dall'1 al 14 Ottobre 2021
Fabio Vacchi

Corpo di Ballo, Coro e Orchestra del Teatro alla Scala

 

Nuova Produzione Teatro alla Scala

Prima rappresentazione assoluta

Commissione del Teatro alla Scala e SIAE

Durata spettacolo: 1 ora e 30 minuti

 

Libretto di Emmanuelle de Villepin tratto dal proprio romanzo La ragazza che non voleva morire.

 

In ottemperenza al Decreto della Presidenza del Consiglio dell'8 ottobre 2021, n. 139, a partire da lunedì 11 ottobre 2021, in zona bianca, per gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, la capienza consentita è del 100 per cento di quella massima autorizzata sia all’aperto che al chiuso. Il Teatro alla Scala a partire dalle repliche di lunedì 11 ottobre ha dunque aumentato la capienza, senza distanziamento. Si conferma l’accesso esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi COVID-19. Scopri di più.

Coreografia

Mauro Bigonzetti

Assistenti coreografo

Béatrice Mille, Roberto Zamorano

Direttore Michele Gamba
Luci e scene Carlo Cerri
Costumi Maurizio Millenotti
Costumista collaboratore Irene Monti
Video designer Carlo Cerri, Alessandro Grisendi e Marco Noviello
Étoile Roberto Bolle (1, 7, 12 e 14 ottobre)
Madina Antonella Albano
Mezzosoprano Anna-Doris Capitelli
Tenore Chuan Wang
Attore Fabrizio Falco

 

IL BALLETTO IN POCHE RIGHE

Con la coreografia di Mauro Bigonzetti, la prima mondiale della composizione di Fabio Vacchi su libretto di Emmanuelle de Villepin tratto dal romanzo La ragazza che non voleva morire. La giovane Madina, kamikaze non per scelta, sceglie di non uccidere, non vuole morire: atto che scuote dal terpore, innesca reazioni, sentimenti contrastanti e speranza di cambiamento. Un lavoro di Danza e di Teatro, dove coesistono parola, canto, musica e corpo per una sintesi delle forme tradizionali e contemporanee dei generi del teatro musicale.