print

L'histoire de Manon

Soggetto

Atto I

Scena prima: il cortile di una locanda nei pressi di Parigi.
Al levarsi del sipario Lescaut, un giovane avventuriero, contempla il mondo che egli deve depredare per vivere. E’ venuto alla locanda per incontrare la sorella Manon, che si sta recando in un convento.Nell’affollato cortile della locanda vediamo una mezzana, Madame, con la sua schiera di attrici e cortigiane – fra le quali l’amante di Lescaut - , il Cavaliere des Grieux, giovane studente di buona famiglia, e Monsieur Guillot de Morfontaine, un ricco uomo di mondo. Giunge una carrozza che conduce Manon, la cui bellezza giovanile ha già attirato le attenzioni di un compagno di viaggio, un vecchio signore. Lescaut è consapevole del valore di Manon, e conduce l’anziano uomo all’interno della locanda per discutere la disponibilità di Manon, rendendosi intanto conto del fatto che anche Guillot de Morfontaine è interessato a lei. Ma des Grieux si è innamorato di Manon, ed ella acconsente a fuggire con lui. Proprio mentre i due si allontanano in carrozza, Lescaut ritorna con l’anziano signore, ma Guillot de Morfontaine ha fatto un’offerta assai più congrua per Manon; Lescaut acconsente ad andare in cerca della sorella per indurla ad accettare Guillot de Morfontaine come protettore.

Scena seconda: la casa di des Grieux a Parigi.
Des Grieux sta scrivendo al padre, mala passione per Manon distoglie la sua mente da ogni altro pensiero. Quando egli finalmente esce per andare a spedire la lettera, entra Lescaut con Guillot de Morfontaine, che porta gioielli e preziosi vestiti per Manon. Eccitata dalla vista di tante ricchezze, Manon accetta Guillot de Morfontaine e reprime il suo rincrescimento per lasciare il suo primo amore con il tocco consolatorio delle pellicce e dei gioielli. Lescaut attende il ritorno di des Grieux e gli dice che ci sarà una grossa ricompensa finanziaria anche per lui se Manon resterà con Guillot de Morfontaine.

Atto secondo

Scena prima: una casa privata a a Parigi.
Madame dà una festa accoppiando le cortigiane e vari gentiluomini. Lescaut, già ubriaco, arriva con l’afflitto des Grieux, e assieme assistono all’arrivo di Manon lussuosamente abbigliata al braccio di Monsieur Guillot de Morfontaine. Lescaut balla da ubriaco con la sua amante, e lo sconsolato des Grieux guarda Manon, ammirata da tutti gli uomini presenti.Quando gli ospiti si spostano in un’altra stanza per la cena, des Grieux ricorda a Manon il suo amore. Ella è inflessibile, ma poi dichiara che fuggirà con lui se egli vincerà alle carte una grossa somma di denaro da Guillot de Morfontaine, e gli consegna le carte che gli consentirano di vincere barando. Des Grieux ha un successo tale da destare i sospetti di Guillot de Morfontaine, e scoppia una rissa. Manon e des Grieux fuggono, mentre Guillot de Morfontaine accusa Lescaut di complicità.

Scena seconda La casa di des Grieux.
Manon e des Grieux si preparano a lasciare Parigi; dapprima litigano per i gioielli di Manon, ma poi si dichiarano ancora una volta il loro reciproco amore. Sopraggiunge Guillot de Morfontaine conle guardie e Lescaut ammanettato; Manon è arrestata come prostituta, e nella confusione Lescaut viene ucciso.

Atto terzo

Scena prima: il porto di New Orleans.
La folla sulla banchina guarda l’arrivo di una nave che trasporta criminali alla colonia francese della Louisiana. In un gruppo di prostitute deportate dalla Francia c’è Manon. Des Grieux l’ha accompagnata dichiarandosi suo marito. Anche qui la bellezza di Manon attrae un ammiratore: il carceriere dell’insediamento penale.

Scena seconda: la stanza del carceriere.
Manon è portata nella camera e il carceriere fa l’amore con lei, dandole come ricompensa dei gioielli. Entra des Grieux che uccide il carceriere e quindi fugge con Manon.

Scena terza: le paludi della Louisiana.
Manon e des Grieux fuggono dalla giustizia. Manon è febbricitante e nel suo delirio personaggi del passato appaiono e scompaiono fra le nebbie della palude. Ella dichiara il suo amore a des Grieux e muore tra le sue braccia.

Traduzione dall'inglese di Silvia Tuja

CERCALA MIA SCALA
  English
Teatro alla Scala