Home –  Stagione 2017-2018 –  Opera – 

Orphée et Euridice

  • HP4
  • Cattura
  • 049 K65A4977
  • 069 K61A7690
  • 095 K61A7741
  • 097 K61A7745
  • 114 K61A7785
  • 161 K61A7919
  • 166 K61A7934
  • 204 K61A8063
  • 211 K65A5233
  • Florez Juan Diego
Ph. Marco Brescia & Rudy Amisano
Dal 24 Febbraio al 17 Marzo 2018
Christoph Willibald Gluck

Prima rappresentazione al Teatro alla Scala nella versione francese

Hofesh Shechter Company

Coro e Orchestra del Teatro alla Scala
Produzione Royal Opera House, Covent Garden, London

Durata spettacolo: 2 ore e 30 minuti incluso intervallo

PRIMO e SECONDO ATTO: 70 minuti / Intervallo: 30 minuti / TERZO ATTO: 50 minuti

Direttore  Michele Mariotti
Regia  Hofesh Shechter e John Fulljames
Coreografia Hofesh Shechter
Scene e costumi Conor Murphy
Luci

Lee Curran 

riprese da Andrea Giretti

CAST

Orphée

Juan Diego Flórez

Euridice Christiane Karg
L'Amour Fatma Said

Le recite del 14 e 17 marzo saranno riprese da Mezzo TV.

 

L'OPERA IN POCHE RIGHE

 

L’opera manifesto della riforma teatrale e musicale di Gluck è a tutti gli effetti un capolavoro europeo: composta su libretto dell’italiano Ranieri de’ Calzabigi per il Burgtheater di Vienna, dove fu eseguita nel 1762, fu presentata in versione rivista, riorchestrata e ampliata al teatro del Palais- Royal nel 1774 con nuovi versi francesi di Pierre-Louis Moline. La nuova versione, oltre a inserire nuovi balletti, assegnava la parte di Orphée a un tenore, marcando una distanza ulteriore dalle convenzioni barocche. Orphée, che conta alla Scala versioni illustri, da quella diretta da Furtwängler con Fedora Barbieri protagonista fino alla versione firmata da Riccardo Muti e Roberto de Simone, si presenta per la prima volta in questa seconda versione, nel fortunato allestimento realizzato per il Covent Garden dal regista John Fulljames e dal coreografo Hofesh Shechter, in cui l’orchestra è collocata in mezzo al palcoscenico. Sontuosa la parte musicale con il ritorno alla Scala di Juan Diego Flórez nella parte di Orphée, Christiane Karg come Euridice e Fatma Said, che dopo gli studi all’Accademia della Scala e il debutto come Pamina, veste i panni di Amour. Guida musicale è Michele Mariotti, un Maestro su cui il Teatro fa affidamento per i prossimi anni. 

       Con il sostegno di