Home –  Stagione 2017-2018 –  Opera – 

Francesca da Rimini

  • K65A9334
  • Cattura fdr
  • K65A9239
  • K65A9582
  • K65A9894
  • K65A9523
Ph. Marco Brescia & Rudy Amisano
Dal 15 Aprile al 13 Maggio 2018
Riccardo Zandonai

Coro e Orchestra del Teatro alla Scala
Nuova produzione Teatro alla Scala

Durata spettacolo: 2 ore e 43 minuti incluso intervallo

 

La Prima del 15 aprile verrà trasmessa in diretta radiofonica su RAI-Radio 3.

Direttore  Fabio Luisi
Regia  David Pountney
Scene  Leslie Travers
Costumi Marie-Jeanne Lecca
Lighting Designer Fabrice Kebour​
Movimenti coreografici Denni Sayers

CAST

Francesca

Maria José Siri

Samaritana Alisa Kolosova
Ostasio

Costantino Finucci (15, 26, 29 aprile e 2, 6, 10, 13 maggio)

Ashley David Prewett (18, 21 aprile)

Paolo il bello Marcelo Puente 
Giovanni lo sciancato Gabriele Viviani
Malatestino dall'Occhio Luciano Ganci
Biancofiore Sara Rossini*
Garsenda  Valentina Boi
Altichiara Diana Haller
Adonella Alessia Nadin
Smaragdi (la schiava) Idunnu Münch
Ser Toldo Matteo Desole
Il Giullare Elia Fabbian
Il Balestriere/Un Prigioniero (in interno) Hun Kim*
Il Torrigiano Lasha Sesitashvili*

*Allievo dell'Accademia Teatro alla Scala

 

L'OPERA IN POCHE RIGHE
 

Assente dal palcoscenico scaligero dal 1959, quando Gianandrea Gavazzeni diresse Magda Olivero e Mario del Monaco, la trascinante vicenda di passione e gelosia scritta da D’Annunzio pensando a Dante e messa in musica da Zandonai è consegnata a una nuova produzione firmata da David Pountney, nome di punta della scena registica britannica che alla Scala è stato presente solo con La piccola volpe astuta nel 2003 e che con Paolo e Francesca ha familiarità per aver già messo in scena l’omonima opera di Rachmaninov. Sul podio Fabio Luisi, convinto sostenitore di questa musica di cui sa rendere insieme le accensioni veriste e le raffinatezze novecentesche. Protagonisti Maria José Siri, applaudita all’inaugurazione 2016 con Madama Butterfly e ormai riconosciuta come interprete di riferimento di questo repertorio, Marcelo Puente e Gabriele Viviani.