Home –  Stagione 2017-2018 –  Opera – 

Ernani

  • Ernani
  • 131 K65A5997
  • 053 K65A5278
  • 013 K61A3882
  • 067 K61A4132
  • 139 K65A5582
  • Adam Fisher
  • Ailyn Perez New Publicity   credit Rebecca Fay
  • Francesco Meli K61A2061 ph Brescia e Amisano
  • PH
  • Ildar Abdrazakov
  • simone piazzola ph victor santiago4
Dal 29 Settembre al 25 Ottobre 2018
Giuseppe Verdi

Durata spettacolo: 02 ore e 42 minuti incluso intervallo

Coro e Orchestra del Teatro alla Scala
Nuova Produzione del Teatro alla Scala

 

PRIMO ATTO e SECONDO ATTO 87 minuti / Intervallo 30 minuti / TERZO ATTO 22 minuti / Pausa 5 minuti / QUARTO ATTO 20 minuti

 

Direttore  Ádám Fischer
Regia  Sven-Eric Bechtolf
Scene  Julian Crouch
Costumi Kevin Pollard
Luci Marco Filibeck
Video Designer Filippo Marta
Coreografia Lara Montanaro

CAST

Ernani Francesco Meli
Don Carlo

Luca Salsi (29 sett.; 2, 9, 18 ott.)

Simone Piazzola ( 6, 13, 22, 25 ott.)

Don Ruy

Ildar Abdrazakov (29 sett.; 2, 6, 9, 13, 18 ott.)

Michele Pertusi (22, 25 ott.)

Elvira Ailyn Pérez
Giovanna Daria Chernyi
Don Riccardo Matteo Desole
Jago Alessandro Spina

 

L'OPERA IN POCHE RIGHE

 

Ernani, su libretto di Francesco Maria Piave dal dramma di Victor Hugo, va in scena alla Fenice nel 1844 e riunisce gli snodi musicali e drammaturgici della prima stagione verdiana in una sintesi di straordinaria potenza, anticipando temi e suggestioni delle opere a venire. Opera di fascino irresistibile e temibile difficoltà, è un banco di prova su cui ogni generazione di interpreti verdiani è chiamata a misurarsi. Francesco Meli, che ha debuttato nel ruolo con Riccardo Muti, prosegue la galleria di grandi personaggi verdiani che alla Scala lo ha visto nei panni di Carlo VII, Alfredo, Don Carlo e Adorno, mentre Ailyn Pérez è Elvira dopo il successo ottenuto come Violetta. Con loro Luca Salsi e Simone Piazzola che si aletrneranno come Carlo e nei panni di Silva il ritorno alla Scala di Ildar Abdrazakov, ormai impostosi come basso di riferimento dei nostri anni. Firma il nuovo allestimento Sven-Eric Bechtolf, mentre la guida musicale è nelle mani di Ádám Fischer, che prosegue alla Scala un percorso verdiano che lo ha portato a dirigere tra l’altro Otello al Metropolitan e Aida a Zurigo.