Home –  Stagione 2017-2018 –  Opera – 

Andrea Chénier

  • 109 K61A3803
  • cattura chenier
  • Cattura video intervista martone
  • Riccardo Chailly ph Brescia e Amisano 621837BADG
  • Mario Martone e Margherita Palli ph Brescia e Amisano
  • 9 ©Vladimir Shirokov.jpg netrebko 950x490
  • Salsi Luca PH. Fabrizio de Blasio (71)
  • Eyvazov Yusif copyright by Vladimir Shirkov 6
  • Annalisa Stroppa © Silvia Lewdfwedqwd
  • 259 K65A0076 Yusif Eyvazov e Anna Netrebko
  • 226 K65A9968
  • 151 K61A4281 Yusif Eyvazov e Anna Netrebko
  • 106 K65A9492
  • 093 K61A3667
  • 085 K61A3621
Ph. Marco Brescia & Rudy Amisano
Dal 10 Dicembre 2017 al 5 Gennaio 2018
Umberto Giordano

Nel cinquantenario della scomparsa di Victor de Sabata

Coro, Corpo di Ballo e Orchestra del Teatro alla Scala
Nuova produzione Teatro alla Scala

Durata spettacolo: 2 ore e 35 minuti incluso intervallo

PRIMO e SECONDO QUADRO: 60 minuti / Intervallo: 35 minuti / TERZO E QUARTO QUADRO: 60 minuti

Direttore  Riccardo Chailly
Regia  Mario Martone
Scene Margherita Palli
Costumi Ursula Patzak
Luci Pasquale Mari
Coreografa Daniela Schiavone

CAST

Andrea Chénier

Yusif Eyvazov

Maddalena di Coigny Anna Netrebko
Carlo Gérard Luca Salsi
La mulatta Bersi Annalisa Stroppa
La Contessa di Coigny Mariana Pentcheva
Madelon Judit Kutasi
Roucher Gabriele Sagona
Il romanziero, Pietro Fléville, pensionato del Re Costantino Finucci
Fouquier Tinville, accusatore pubblico Gianluca Breda
Il sanculotto Mathieu, detto "populus" Francesco Verna
Un "Incredibile" Carlo Bosi
L'Abate, poeta Manuel Pierattelli
Schmidt, carceriere a San Lazzaro Romano Dal Zovo
Il Maestro di Casa/Dumas, presidente del Tribunale di Salute Pubblica Riccardo Fassi

 

L'OPERA IN POCHE RIGHE

 

Andrea Chénier, il capolavoro di Giordano che fu battezzato alla Scala nel 1896, vi manca dal 1985. Allora come oggi sul podio c’era Riccardo Chailly. Il maestro milanese, che nel 2018 festeggia i 40 anni dal debutto operistico con I masnadieri, ha diretto al Piermarini 18 opere coprendo un repertorio vastissimo che da Verdi spazia a Stravinskij e Prokof’ev, da Rossini a Puccini e, appunto, al verismo. Per questo 7 dicembre il M° Chailly incontra per la prima volta Mario Martone, regista esperto di affreschi storici in scena e sullo schermo. Se La morte di Danton di Büchner denunciava le derive della Rivoluzione, un film come Noi credevamo era una riflessione sulle delusioni di una generazione votatasi alla speranza di cambiamento. Con Margherita Palli, creatrice di tanti spettacoli ronconiani, Martone ha realizzato nel 2016 un fortunato allestimento de La cena delle beffe, sempre di Giordano, che ha segnato il primo passo nel processo di riscoperta del verismo alla Scala. Alla sua terza inaugurazione scaligera, e fresca dell’entusiasmo per La traviata che ha interpretato nei mesi scorsi, Anna Netrebko sarà Maddalena di Coigny dividendo il palcoscenico con il marito Yusif Eyvazov. Eyvazov, che ha recentemente debuttato nel ruolo a Praga, si è preparato in questi mesi con il M° Chailly mentre la sua carriera segna una serie di tappe importanti, da Don Carlo a San Pietroburgo a Radamès al Festival di Salisburgo con Riccardo Muti. Nei panni di Carlo Gérard torna alla Scala Luca Salsi, uno dei più emozionanti baritoni dei nostri anni, che in questa parte ha riscosso un grande successo personale alla Staatsoper di Monaco nel 2017.