La bisbetica domata

Ph. Fetisova Elena
Dall'11 al 13 Settembre 2018
Dmitrij Šostakovič

Durata spettacolo: 1 ora e 45 minuti incluso intervallo

Tratta da The Taming of the Shrew di W. Shakespeare

 

Corpo di Ballo del Teatro Bol'šoj di Mosca
Orchestra Sinfonica “G. Verdi” di Milano.

 

Produzione del Teatro Bol'šoj di Mosca

 

Musica Dmitrij Šostakovič
Direttore Igor Dronov
Coreografia Jean-Christophe Maillot
Scene Ernest Pignon-Ernest
Costumi Augustin Maillot
Luci e video Dominique Drillot

IL BALLETTO IN POCHE RIGHE

 

Commissionato dal Teatro Bol’šoj, presentato in debutto nel luglio del 2014, La bisbetica domata è il primo balletto creato da Jean-Christophe Maillot per una compagnia che non fosse la sua (Les Ballets de Monte-Carlo) e primo invito ad un coreografo straniero per un balletto a serata intera con gli straordinari artisti del Balletto del Bol’šoj. Ispirata alla omonima commedia di Shakespeare, si è aggiudicata tre Maschere d’Oro, per la migliore produzione e per i due protagonisti. Maillot ha pensato per i danzatori del Bol’šoj un lavoro con una grande vena narrativa, per metterne in evidenza oltre che la bravura anche l’abilità interpretativa. Per il coreografo questa commedia è come una meravigliosa storia sui rapporti umani che semplicemente chiede di essere tradotta nel linguaggio del corpo. Una trama abbastanza complessa che soprattutto lo ha intrigato per essere uno dei lavori più sensuali di Shakespeare, e ha catturato la sua attenzione come analisi appassionata delle relazioni d'amore. Per Maillot, coreografo che ama rinarrare una storia classica a suo modo, questa è una commedia che parla dell’incontro di due caratteri eccezionali (Caterina e Petruccio) che per questo motivo non possono sopportare l'idea di avere un rapporto mediocre tra di loro - o con nessun altro.  Lavorando con i ballerini del Bol’šoj, per lui era ovvio che il compositore doveva essere russo. Sceglie Šostakovič, sulle cui musiche aveva già fatto altre creazioni, orientandosi questa volta sulle composizioni per il cinema.