Home –  Opera – 

Nabucco

  • 001 K65A7239
  • Cattura nabucco
  • 028 K65A7356
  • 032 K65A7361
  • 051 K61A0150
  • 061 K65A7460
  • 062 K61A0174
  • 074 K65A7527
  • 104 K65A7739
  • 124 K65A7891
  • 153 K65A8018
  • Daniele Abbado ph Rudy Amisano 596329RADG
  • 162 K65A8050
Ph. Marco Brescia & Rudy Amisano
Dal 24 Ottobre al 19 Novembre 2017
Giuseppe Verdi

Dramma lirico in quattro parti

Libretto di Temistocle Solera 

(Edizione critica a cura di R. Parker;

The University of Chicago Press e Casa Ricordi, Milano)

 

Coro e Orchestra del Teatro alla Scala
Produzione Teatro alla Scala, Royal Opera House - Covent Garden di Londra, Lyric Opera di Chicago, Gran Teatre de Liceu di Barcellona

Durata spettacolo: 2 ore e 50 minuti incluso intervallo

 

ATTO PRIMO: 45 minuti / pausa: 5 minuti / ATTO SECONDO: 33 minuti / Intervallo: 30 minuti / ATTO TERZO, primo quadro: 19 minuti / pausa: 4 minuti / ATTO TERZO, secondo quadro: 9 minuti / ATTO QUARTO: 25 minuti

Direttore  Nello Santi
Regia  Daniele Abbado
Scene e costumi Alison Chitty
Luci Alessandro Carletti
Video Luca Scarzella
Movimenti Coreografici Simona Bucci

CAST

Nabucco Leo Nucci
Ismaele Stefano La Colla
Zaccaria Mikhail Petrenko
Abigaille

Martina Serafin (24, 27, 31 ott.; 4 nov.)

Anna Pirozzi (7, 11, 16, 19 nov.)

Fenena Annalisa Stroppa
Il Gran Sacerdote Giovanni Furlanetto
Abdallo Oreste Cosimo*
Anna Ewa Tracz*

*Solisti dell'Accademia di perfezionamento per cantanti lirici del Teatro alla Scala. 

 

L'OPERA IN POCHE RIGHE

Unanimemente considerato un punto di riferimento per il repertorio italiano, Nello Santi è strettamente legato a Nabucco, di cui è tra gli interpreti più accreditati. La ripresa dell’allestimento di Daniele Abbado si avvale nella parte di Abigaille di Anna Pirozzi, al suo secondo titolo verdiano alla Scala dopo I due Foscari, e di Martina Serafin, mentre protagonista è ancora una volta Leo Nucci. Come Ismaele torna Stefano La Colla, ascoltato come Calaf nella Turandot di apertura del semestre di Expo diretta da Riccardo Chailly, mentre Zaccaria è Mikhail Petrenko, una delle voci di basso più interessanti degli ultimi anni, al suo debutto scaligero.