Home –  Stagione 2016-2017 –  Opera – 

Don Carlo

  • 030 K61A1260
  • 002 K65A2730
  • 014 K65A2777
  • 040 K61A1349
  • 063 K65A2834
  • 081 K65A2878
  • 105 K65A2988
  • 155 K65A3120
  • 203 K65A3287
  • 214 K61A2248
  • 221 K65A3333
  • 228 K61A2282
  • 270 K61A2485
  • 277 K65A3444
  • Myung Whun Chung ph Brescia e Amisano 531036MBDG
  • Peter Stein ph Brescia e Amisano 514005MBDG Peter Stein
Ph. Marco Brescia & Rudy Amisano
Dal 17 Gennaio al 12 Febbraio 2017
Giuseppe Verdi

Dramma lirico in cinque atti

Libretto di François-Joseph Méry e Camille Du Locle

Traduzione italiana di Achille De Lauzières 

e Angelo Zanardini

(Edizione integrale della versione in 5 atti,

a cura di U. Günther e L. Petazzoni;

Editore Casa Ricordi, Milano)

 

Coro e Orchestra del Teatro alla Scala

Produzione del Festival di Salisburgo

Durata spettacolo: 05 ore inclusi intervalli

Direttore  Myung-Whun Chung
Regia  Peter Stein
Scene Ferdinand Woegerbauer
Costumi Anna Maria Heinreich
Luci Joachim Barth

CAST

Elisabetta di Valois

Krassimira Stoyanova

La principessa Eboli Ekaterina Semenchuk
Beatrice Uria-Monzon (22 Gennaio)
Don Carlo  Francesco Meli
Rodrigo  Simone Piazzola
Filippo II Ferruccio Furlanetto
Il Grande Inquisitore

Eric Halfvarson (17, 22, 26 gennaio)

Orlin Anastassov

Un frate Martin Summer*
Voce dal cielo Céline Mellon*
Sei deputati fiamminghi Gustavo Castillo*
Rocco Cavalluzzi*
Dongho Kim*
Victor Sporyshev*
Chen Lingjie**
Paolo Ingrasciotta*
Conte di Lerma/Un araldo reale Azer Zada*
Tebaldo Theresa Zisser

*Allievo dell’Accademia Teatro alla Scala

**Allievo del Conservatorio "Giuseppe Verdi"

 

A causa di una indisposizione Ekaterina Semenchuk è costretta a cancellare la recita del, 22 gennaio.
Il ruolo della Principessa Eboli sarà interpretato da Beatrice Uria-Monzon.
20 gennaio 2017.

 

Per motivi di salute Orlin Anastassov è costretto a ritirarsi dalle prime tre recite di Don Carlo, Eric Halfvarson canterà quindi il ruolo di Grande Inquisitore nelle recite del 17, 22 e 26 gennaio.

13 gennaio 2017.

 

L'OPERA IN POCHE RIGHE

Era il 1977 quando Claudio Abbado presentò il Don Carlo di Verdi nella versione in italiano in cinque atti. L’opera, nata in cinque atti a Parigi nel 1867, aveva debuttato alla Scala in questa forma l’anno successivo; sempre per la Scala Verdi l’aveva ridotta a quattro atti nel 1884, salvo tornare alla versione estesa a Bologna nel 1886. Alla Scala prima di Abbado hanno scelto quest’ultima Arturo Toscanini, Antonino Votto e Gabriele Santini; dopo di lui nessuno.
Ora, dopo 40 anni, la versione con l’”Atto di Fontainebleau” torna al Piermarini con uno dei grandi direttori verdiani del nostro tempo, Myung-Whun Chung, e la regia tutta concentrata sull’azione di Peter Stein. Affresco storico e dramma personale, Don Carlo necessita di sei solisti d’eccezione: alla Scala canteranno insieme al leggendario Ferruccio Furlanetto come Filippo la sontuosa coppia femminile formata da Krassimira Stoyanova e Ekaterina Semenchuk e le voci giovani e generose di Francesco Meli ormai tenore verdiano di riferimento, Simone Piazzola e Orlin Anastassov.