Home –  Stagione 2016-2017 –  Balletto – 

Progetto Händel

  • Mauro Bigonzetti in prova alla Scala   ph Brescia e Amisano K61A1764
  • Svetlana Zakharova ph Brescia e Amisano Teatro alla Scala  IMG 8084 RID
  • Handel  incisione, T. Hudson I. Faber1749   Museo teatrale alla Scala RID
Ph. Marco Brescia & Rudy Amisano
Dal 20 Maggio al 1 Giugno 2017
Georg Friedrich Händel

Corpo di Ballo del Teatro alla Scala

Prime Parti dell'Orchestra del Teatro alla Scala

 

Nuova Produzione Teatro alla Scala

Prima Assoluta 

 

Musica Georg Friedrich Händel 
Coreografia Mauro Bigonzetti
Costumi Helena Medeiros
Luci Carlo Cerri
Étoile

Svetlana Zakharova (20, 21, 23 sera, 24 mag.)

Roberto Bolle (20, 21, 23 sera, 24 mag.)

IL BALLETTO IN POCHE RIGHE

Prosegue anche in questa stagione, per nove recite tra maggio e giugno, il progetto di balletti su musica da camera che da Cello Suites a Il giardino degli amanti ha approfondito un connubio di grande fascino, nell’esaltazione dei dettagli, dei timbri e delle voci di ogni strumento e dei corpi dei danzatori che rispondono alle sollecitazioni musicali.

Un vero sviluppo creativo per i musicisti e i danzatori scaligeri, uno stimolo per i coreografi e una vera opportunità per esaltare partiture che come piccoli ma preziosissimi gioielli si aprono a una platea ampia e sfaccettata e si visualizzano in scena amplificando atmosfere e suggestioni. Per una nuova produzione in prima assoluta, Mauro Bigonzetti torna al suo grande amore per la musica antica e barocca, riportando all’origine le Suites di Händel spesso eseguite al pianoforte: protagonista quindi il clavicembalo, con un respiro che si amplia poi attraverso altre composizioni cameristiche che si arricchiscono di fiati e archi.
Un respiro che verrà forgiato sui ballerini scaligeri e sulle étoiles Roberto Bolle e Svetlana Zakharova, per la quale Mauro Bigonzetti creerà per la prima volta, assecondando, anche cromaticamente, i timbri e i cromatismi delle due diverse situazioni musicali, con un comune denominatore: il fascino del teatro, dell’immaginazione e della fantasia del mondo barocco evocato dalle note di Händel.