Home –  Stagione 2014-2015 –  Opera – 

Otello

  • Otello
  • Trailer Otello
  • Intervista Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
  • Otello
@ Matthias Baus
Dal 4 al 24 Luglio 2015
Gioachino Rossini

Orchestra e Coro del Teatro alla Scala

Nuova produzione Teatro alla Scala

 

Durata spettacolo: 3 ore e 30 minuti inclusi intervalli

Direttore Muhai Tang
Regia Jürgen Flimm
Scene 

Jürgen Flimm

da un'idea di Anselm Kiefer

Costumi Ursula Kudrna
Luci Sebastian Alphons

Cast 

Otello Gregory Kunde
Desdemona Olga Peretyatko
Elmiro Barberico Roberto Tagliavini
Rodrigo Juan Diego Flórez
Jago Edgardo Rocha
Emilia Annalisa Stroppa
Doge Nicola Pamio
Un gondoliere Sehoon Moon*

*Solista dell'Accademia Teatro alla Scala

 

L'opera in poche righe

Prima di quello di Verdi, le scene italiane del passato avevano mandato in scena per decenni un Otello di Rossini, poi riproposto solo occasionalmente ma caro alle penne smagate e antiromantiche di Savino e De Chirico. Non era in scena alla Scala dal 1870. La rarità del titolo nei programmi del Novecento era anche legata alla difficoltà del belcanto richiesto da questa straordinaria “opera seria” e in particolar modo a quella di trovare insieme i tre grandi tenori previsti da una partitura originariamente destinata alle voci leggendarie di David e Nozzari: ma qui avremo un terzetto entusiasmante, con Juan Diego Flórez, Gregory Kunde ed Edgardo Rocha che si sfideranno nei gorgheggi più spericolati e spettacolari. Il ruolo di Desdemona, che Rossini scrisse per la futura moglie Isabella Colbran, rivivrà nella voce di Olga Peretyatko, acclamata nella Sposa dello zar della stagione passata. Per un titolo classico, scene e costumi di Anselm Kiefer, che tra le star dell'arte contemporanea è senza dubbio il più sensibile non solo all'estetica del melodramma ma più in generale al perdurare dei contenuti della tradizione culturale europea nell'immaginario di oggi. Sul podio John Elliot Gardiner, un musicista per cui la provenienza dalla musica barocca con strumenti originali e la cura storica non attenuano tensione e drammatica adesione emotiva.